Chiude un pezzo di Storia!

Il Gambrinus è uno tra i più importanti Caffè d’ Italia. La sua storia inizia con l’Unità  di Italia quando, nel 1860, al piano terra del palazzo della Foresteria, viene aperto il “Gran Caffè”. Chiunque abbia fatto una visita a Piazza del Plebiscito e al Palazzo Reale, di sicuro si è soffermato ad ammirare uno dei più bei salotti della città. Non solo luogo di ristoro e di piacevoli tappe, il Gambrinus ha visto nascere due grandi canzoni della tradizione classica napoletana: A’ vucchella e Voce ‘e notte. La prima realizzata nel 1892, dal grandissimo Gabriele D’Annunzio, che compose questa canzone per rispondere alla sfida del collega e amico Ferdinando Russo che non credeva che lo scrittore abruzzese potesse scrivere liriche nel dialetto napoletano. Voce ‘e notte fu scritta all’inizio del 1900 ai tavolini del caffè. Parla dell’amore del giovane redattore del quotidiano “Don Marzio” Eduardo Nicolardi per una fanciulla dell’alta nobiltà napoletana, costretta dal padre a sposare un uomo molto più grande di lei. Con la morte dell’ anziano marito, dopo solo un anno di matrimonio, finalmente i due ragazzi possono vivere felicemente insieme. Negli anni il Caffè ha ospitato grandi eventi musicali, Reading, Conferenze, ed ha avuto ai suoi tavolini personaggi illustrissimi, come Oscar Wilde, Gabriele D’Annunzio, Ernest Hemingway, Benedetto Croce, la Principessa Sissi, Matilde Serao, Tommaso Marinetti, Salvatore Di Giacomo, Ferdinando Russo, Jean-Paul Sartre. Luogo di culto e di cultura, sopravvissuto ad anni difficili, ieri, piegato dal Covid, in attesa di tempi migliori, il Gran Caffè Gambrinus, ha calato il sipario. 15 dipendenti in cassa integrazione, 30 in attività, ha ceduto alle difficoltà di un periodo che ha messo in ginocchio tantissime realtà lavorative. Un salotto animato soprattutto dalla presenza dei turisti, calati drasticamente in questi mesi. Da oggi la città di Napoli, l’ Italia, e chi ama la cultura e le tradizioni, si sente un pò più solo.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...